Sviluppo, economia, etiche territoriali e programmi UNESCO: una prospettiva glocale “territorial oriented”

    di Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. (esperto in Paesaggio ed Aree Protette)

    Introduzione

    L'esperienza del riconoscimento del territorio del geobrand "CollinaPo" guidata dall'Ente di gestione delle Aree protette del torinese, ha permesso di misurare i temi della sostenibilità ambientale e della tutela dei beni naturalistici con un insieme di questioni di più vasto respiro che trovano nei principi del programma Man and Biosphere (in acronimo MaB) di UNESCO e nei siti da questo identificati e denominati Riserve della Biosfera, molti spunti interessanti sotto il profilo della governane delle politiche di tutela e sviluppo locale sino a quelle di carattere etico-culturale-ambientale di respiro più generale.

    Editoriale n.46 - La Città metropolitana: un progetto nuovo possibile

    di Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. (IRES Piemonte)

    Testata_Articoli_46

    Introduzione

    Le azioni messe in atto contro la crisi impegnano la città come un soggetto da cui partire per risollevare le sorti regionali e nazionali. Ma in che modo? Le risposte non sono univoche. Da un lato resta attiva una versione immobiliarista, molto 'italiana, che vede nel rilancio del Real Estate l'unico motore per la soluzione dei problemi urbani emersi con la crisi. Dall'altro fatica a emergere la Smart Specialisation Stategy (S3) messa in atto dalla S3-Platform della Unione Europea, quale terreno dell'innovazione tecnologica e nuova visione, anche del settore edilizio, in grado di contenere il consumo del suolo e di identificare i vantaggi competitivi e le specializzazioni tecnologiche più coerenti con il proprio potenziale innovativo: una strategia "che identifichi i vantaggi competitivi e le specializzazioni tecnologiche più coerenti con il proprio potenziale innovativo e su queste faccia convergere i differenti investimenti pubblici e privati in un'ottica di medio periodo", come recita la strategia S3.

    La Città metropolitana di Torino nel contesto metropolitano europeo

    di Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. (IRES Piemonte)

    Introduzione

    La legge n. 56/2014 pone fine alle numerose "grida manzoniane" che nel tempo il legislatore ha emanato per la realizzazione delle Città metropolitane. Il tratto distintivo della legge Delrio è quello di non intervenire sulla problematica confinaria assumendo, di fatto, l'esistente partizione provinciale per battezzare le 10 città metropolitane nazionali, cui aggiungere quelle definite dagli ordinamenti delle regioni a statuto speciale.

    La città metropolitana: speranze di una visione e realtà dei dismorfismi

    di Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. (Direttore ANCI Piemonte)

    Introduzione

    In occasione del terzo anniversario dalla legge istitutiva delle Città Metropolitane, la definizione della loro fisionomia risulta essere un esercizio ancora confinato nel campo delle speculazioni di natura teorica, e ben poco aderente alla realtà dei fatti. In altre parole, la realtà dei fatti e soprattutto l'analisi dei dati portano inevitabilmente l'interprete a fornire ancora una fotografia riduttiva delle potenzialità dell'ente, finora largamente inespresse, e non priva di elementi di precarietà nell'assetto istituzionale, organizzativo e finanziario.

    I comuni della Città metropolitana di Torino: infrastrutture locali in pericolo?

    di Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. (IRES Piemonte)

    Introduzione

    Sciogliere i nodi costituiti dalla caduta del tasso di accumulazione degli investimenti fissi e dal recupero della capacità fiscale necessaria a supportarne una dinamica positiva, appare decisivo ai fini di una prospettiva di rilancio delle grandi conurbazioni urbane, e in particolare per la Città metropolitana di Torino. Il primo di questi nodi è l'obiettivo cui si rivolge questo contributo, ovvero una misura, ancorché sintetica, dei principali andamenti della spesa per investimenti nel territorio metropolitano per il periodo 2000-2015.

    La Città Metropolitana di Torino e le zone omogenee: la dimensione territoriale della competitività

    diQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. (Ires Piemonte)

    Introduzione

    Il processo di riforma in materia di governo del territorio prende avvio con la modifica del Titolo V (Legge Costituzionale 3/2001) che introduce nella Costituzione le Città Metropolitane. Queste ultime vengono istituite successivamente nel 2014 con la cosiddetta Legge Delrio (L.56/2014) in cui si riconoscono come motori di sviluppo e crescita economica. I confini delle nuove Città Metropolitane sono fatte coincidere con quelli delle Province omonime, probabilmente per un'esigenza di semplificazione delle procedure amministrative ma soprattutto per tener conto delle dinamiche territoriali preesistenti.

    Il contesto provinciale

    di Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. (IRES Piemonte)

    Introduzione

    La recente riforma che ha trasformato gli enti provinciali in organi di secondo livello e ha istituito le città metropolitane ha portato con sé nuovi compiti e funzioni che si sono sommate o sovrapposte a quelle precedenti. Tra le nuove funzioni dell'ente metropolitano c'è la stesura di un piano strategico che disciplini lo sviluppo del territorio della ex provincia. In questa funzione la ricerca, svolta per conto della Città Metropolitana di Torino, intendeva fornire al committente un quadro il più possibile esaustivo delle caratteristiche socio economiche, ambientali ed infrastrutturali del territorio provinciale, in un confronto con il resto del territorio regionale e con le principali città metropolitane italiane ed europee.

    Torino e le altre città metropolitane

    di Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  (IRES Piemonte)

    Introduzione

    L'articolo prende spunto dall'analisi condotta nel 2015 da Ires Piemonte (2016) per il Piano strategico della Città Metropolitana di Torino (PsCMTO). In particolare, il confronto tra Torino e le altre Città Metropolitane (CM) è ripreso per ragionare sulle dinamiche competitive del sistema metropolitano italiano. In Italia come nel resto di Europa, esiste una lunga tradizione di studi (benchmarking) finalizzati a ordinare gerarchicamente città o altre entità territoriali (regioni, nazioni).

    Copyright © 2018 Politiche Piemonte. Tutti i diritti riservati.