Primi risultati dei nuovi programmi europei per le pmi in materia di ricerca e innovazione

    di Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. (Università Ferrara, Dipartimento di Economia e Manage-ment) Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

    Introduzione: presentazione dello Strumento per le PMI nell'ambito del Programma Horizon 2020

    La complessiva dotazione di risorse finanziarie che la Commissione Europea intende destinare alle Piccole e Medie Imprese (PMI) europee nel periodo 2014-2020 ammonta a 9 miliardi di euro, mediante i quali s'intende favorire la partecipazione di tali imprese e delle start-up ai bandi relativi ai programmi Horizon 2020(1) e COSME 2014-2020(2), anche attraverso specifici strumenti che forniscono supporto alle aziende durante tutto il ciclo di vita dell'innovazione - dall'iniziale idea fino all'arrivo sul mercato - e per i vari tipi d'innovazione (di prodotto o di servizio, di processo e di business model).

    Col presente articolo si cerca pertanto di fornire un sommario quadro circa le opportunità a beneficio anche delle PMI italiane che derivano dai fondi europei istituiti per questi nuovi programmi in materia di ricerca e innovazione, facendo adeguati riferimenti ai primi risultati conseguiti dalle stesse PMI nello scorcio del periodo di riferimento finora trascorso. Una simile verifica appare quanto mai utile anche in base agli esiti cui era giunto un precedente studio condotto alcuni anni fa per conto dell'UE, nel quale era stata analizzata la situazione delle PMI negli allora 27 Stati membri, alla luce non solo degli effetti prodotti dalla "grande recessione", ma anche degli interventi condotti dai governi nazionali per realizzare lo Small Business Act (SBA)(3). In effetti, dalle valutazioni comparative sulla situazione in cui versavano le PMI per una decina di fattori, tra cui l'accesso al credito, il supporto dello Stato e la capacità innovativa, quella delle PMI italiane per molti dei criteri considerati risultava ben poco soddisfacente rispetto alla media europea.

     

    Obiettivi e approccio dello strumento per le PMI

    Lo strumento per le PMI consiste in una nuova misura specificamente dedicata alle imprese di minore dimensione nell'ambito del Programma Horizon 2020, avente lo scopo d'incoraggiare la partecipazione delle PMI a tale programma per valorizzare il loro potenziale innovativo, rendendo i meccanismi di finanziamento più semplici e rispondenti alle specifiche necessità di questo tipo di imprese. In particolare, tale strumento intende rivolgersi a tutte le PMI che si ritengono in grado di sviluppare un progetto di eccellenza nel campo dell'innovazione, di dimensione europea e ad elevato impatto economico, con l'obiettivo di avvicinare maggiormente questo tipo d'imprese ai processi d'innovazione, offrendo loro una "finestra" di finanziamento dedicata e la possibilità di gestire in modo autonomo – secondo una logica bottom-up e business-oriented – la scelta dei partner, i meccanismi di subappalto, l'organizzazione del progetto e la sua sostenibilità finanziaria nel lungo periodo. Infine, questo strumento è dedicato alle PMI che sviluppano innovazione al fine di guadagnare competitività sui mercati nazionali e internazionali. Il modello al quale s'ispira lo strumento è lo SBIR (Small Business Innovation Research), sorto negli Stati Uniti per migliorare la competitività del loro sistema produttivo attraverso la promozione di piccole imprese ad alta tecnologia. Le giovani imprese high tech, infatti, pur contribuendo in maniera fondamentale alla crescita e all'occupazione, spesso incontrano difficoltà nel reperire i fondi necessari per finanziare l'attività di sperimentazione. Riservare loro una quota dei finanziamenti destinati alla ricerca e all'innovazione può pertanto costituire uno strumento determinante per risolvere questa criticità. Lo SBIR potrebbe rispondere anche alle esigenze di un tessuto produttivo, come quello italiano, caratterizzato da numerose PMI ad alto potenziale innovativo. Finora questo modello è stato sperimentato in un esiguo numero di Paesi, principalmente Olanda e Regno Unito, i quali hanno inserito una misura d'ispirazione SBIR, cioè in materia di ricerca e sviluppo, nei loro programmi di Public Procurement. E' dunque presumibile imbattersi in competitors olandesi e britannici più forti e più preparati nell'utilizzo del nuovo strumento europeo.

    Come nel modello SBIR, anche nel nuovo strumento europeo è previsto che solo le PMI possano partecipare al bando di finanziamento e che il supporto fornito loro avvenga in tre fasi, a copertura dell'intero ciclo di innovazione: infatti, l'impresa riceve un primo finanziamento per predisporre un'analisi di fattibilità tecnico-scientifica del progetto; se il progetto presenta un adeguato potenziale tecnologico e commerciale, l'impresa riceve un ulteriore finanziamento per svilupparlo fino alla fase di dimostrazione; il sostegno alla fase di commercializzazione, finanziata con capitali privati, avviene invece indirettamente, tramite l'accesso agevolato agli strumenti finanziari, da un lato, e misure di gestione e sfruttamento dei diritti di proprietà intellettuale, dall'altro(4).

     

    Le principali caratteristiche della nuova misura in esame

    Come accennato, nell'ambito di Horizon 2020 è stato istituito un nuovo strumento per valorizzare il potenziale innovativo delle PMI europee ritenute in grado di sviluppare un progetto di eccellenza nel campo dell'innovazione. Per quanto concerne i suoi beneficiari, lo strumento è direttamente rivolto a tutte le PMI che si dimostrino in grado di presentare i progetti singolarmente oppure con un consorzio di PMI partner. Circa le modalità di presentazione dei progetti, invece, il progetto si articola in tre fasi distinte, a copertura dell'intero ciclo in cui si articola l'innovazione:

    - Fase 1, in cui la PMI interessata deve sviluppare un progetto solido e con un alto potenziale di successo, allineato ad una strategia d'impresa di dimensione europea. Le PMI potranno beneficiare di un primo finanziamento destinato a predisporre un'analisi di fattibilità scientifica, tecnico-economica e commerciale del proprio progetto che dovrà terminare con l'elaborazione di un business plan. Ovviamente, qualora la proposta venga accettata dalla Commissione, essa passerà alla fase successiva;

    - Fase 2, ove saranno sostenuti i progetti d'innovazione che dimostrano un elevato potenziale di successo mediante il finanziamento del concreto sviluppo del business plan, così da arrivare al lancio sul mercato del prodotto/servizio, attraverso una serie di attività dimostrative, test, sviluppo dei prototipi;

    - Fase 3, cioè quella della commercializzazione, in cui le PMI possono beneficiare di misure di sostegno indiretto e di servizi, nonché dell'accesso ai servizi finanziari sostenuti attraverso lo strumento Risk Finance Facility dello stesso Horizon 2020.

    Per tutte e tre le fasi, inoltre, si prevede un servizio di coaching e mentoring per le PMI partecipanti al programma. Complessivamente, per tale misura la Commissione ha stanziato oltre 2,8 mld. di euro nel periodo 2014-2020; a seconda delle varie fasi, però, sono previsti i seguenti stanziamenti per singolo progetto:

    - Fase 1 "Studio di fattibilità": somma forfettaria di 50.000 Euro (per 6 mesi), più 3 giorni di coaching, volta a sostenere i costi di progettazione della PMI al fine di predisporre l'idea progettuale e il Business Plan, tenuto conto che qui l'Input è dato dalI'idea/Concept come Busisness Plan 1, mentre l'Output sarà costituito dal Business Plan 2;

    - Fase 2 "Innovazione": finanziamento tra 0,5 e 2,5 milioni euro (per una durata 12/24 mesi), più 12 giorni di coaching per lo sviluppo dell'idea progettuale con la realizzazione di un Business plan più articolato per arrivare alla fase dimostrativa del prodotto/progetto. Per cui, l'Input è il Business Plan 2, oltre alla descrizione delle attività, mentre l'Output sarà il Business Plan 3 Investor-ready.

    - Fase 3 "Commercializzazione": nessun finanziamento diretto, ma possibile coinvolgimento di finanziatori privati, facilitazioni indirette (compresi strumenti di credito e di private equity) e supporto con strumenti utili alla fase di commercializzazione, come un quality label, attività di networking, training e nuove misure riguardanti i diritti di proprietà intellettuale.

    Di conseguenza, la call per la fase 1 dello SME Instrument di Horizon 2020 prevede un budget totale di oltre 25 milioni di euro, destinati a PMI innovative con sede in uno degli Stati membri o di quelli associati, che abbiano elaborato un progetto relativo ad uno dei seguenti settori/tematiche:

    o Nanotecnologie materiali avanzati o tecnologie avanzate per i processi e il manifatturiero;

    o Ricerca e sviluppo nel settore spaziale e in quello ICT;

    o Progetti eco innovativi per la trasformazione alimentare;

    o Sistemi produttivi a basso impatto ambientale (PMI eco eco-innovative in tutti i settori concernenti l'azione a favore del clima, ambiente, efficienza delle risorse);

    o Logistica verde;

    o Validazione clinica di biomarkers e/o strumenti medici diagnostici;

    o Processi industriali basati sulle biotecnologie.

    La call per la fase 2, invece, dispone di un budget totale pari a oltre 220 milioni di euro. Per entrambe le call, il finanziamento UE potrà coprire fino al 100% dei costi ammissibili dei progetti, i quali saranno valutati sulla base di tre criteri fondamentali: Eccellenza, Impatto, Qualità ed Efficienza nell'implementazione.

     

    I risultati conseguiti a fine 2014

    I risultati conseguiti per la fase 1

    Un'altra caratteristica dello strumento in esame è di rendere disponibile con tempestività la lista di volta in volta aggiornata delle PMI beneficiarie. Ad esempio, recentemente sono stati diffusi i risultati per la fase 1, cioè quella relativa all'analisi della fattibilità tecnico-scientifica e del potenziale economico-commerciale dell'idea progettuale, comprensivi anche di quelli della terza cut-off risalente al dicembre dell'anno scorso.

    Da essi emerge che altre 293 PMI di 30 paesi sono state selezionate, per cui per ciascun progetto i partecipanti riceveranno il contributo previsto per finanziare studi di fattibilità(5). Anche in quest'ultima tornata di tale fase, per la quale la Commissione aveva ricevuto 1.569 proposte, ancora una volta le PMI spagnole hanno registrato un particolare successo con 57 PMI beneficiarie, seguite da imprese italiane (49) e inglesi (35). Dall'avvio del programma, avvenuto all'inizio del 2014, per la fase 1 dello SME Instrument sono state nel complesso selezionate 655 PMI, per un totale di 30 milioni di euro; di esse 129 PMI spagnole sono beneficiarie di finanziamenti per questa fase, seguite da imprese italiane (108) e inglesi (81) (grafico 1)(6).

     

    I risultati conseguiti per la fase 2

    Alla seconda cut-off del dicembre 2014 per la Fase 2, vale a dire quella relativa allo sviluppo e alla dimostrazione dell'innovazione, la Commissione aveva ricevuto invece 629 proposte di progetti. Dalle valutazioni effettuate è emerso che 180 di queste rispondevano agli standard di valutazione, per cui 74 di queste (pari al 41%) sono state inizialmente selezionate per il finanziamento; successivamente, la Commissione europea ha selezionato 94 PMI, provenienti da 19 Paesi, che riceveranno un contributo massimo di € 2.500.000 ciascuna(7) per finanziare le attività d'innovazione e lo sviluppo dei loro piani aziendali(8).

    Anche in questa tornata le aziende del Regno Unito – come si era prospettato all'inizio del presente lavoro – hanno registrato un particolare successo in questo bando, con 15 PMI beneficiarie; sono seguite da quelle di Spagna (13), Germania (11) e Italia (8).

    A partire dall'avvio del programma, avvenuto all'inizio del 2014, sono stati selezionati 134 progetti che coinvolgono 172 PMI, le quali riceveranno finanziamenti europei, nell'ambito della Fase 2, per un totale di oltre 225 milioni di Euro. Ma di questo importo complessivo solo una minima frazione sembra destinata alle PMI italiane, sebbene queste abbiano partecipato in un numero molto consistente e superiore a quello di altri Paesi europei, come la Francia e l'Olanda. Si presume che il minor ammontare di contributo richiesto dalle stesse imprese italiane sia riconducibile alla prevalenza delle micro-imprese sul loro totale nazionale, a differenza di altri Paesi – come Spagna, Regno Unito e Germania – dove evidentemente prevalgono imprese di dimensione superiore.

     

    Conclusioni, con particolare riferimento alla partecipazione delle PMI italiane

    In quest'ultimo paragrafo si analizzano i punti di debolezza delle proposte progettuali avanzate dalle PMI italiane, partendo dall'esperienza di quelle finora presentate, al fine di favorire una più efficace partecipazione futura.

    Ribadito innanzi tutto che lo Strumento per le PMI di Horizon 2020 rappresenta senza dubbio una soluzione concreta per la crescita e la creazione di posti di lavoro in Europa, si stima che, entro il 2020, i primi 155 progetti dovrebbero produrre almeno 12.000 nuovi posti di lavoro, 115 nuovi prodotti, 81 nuovi processi, 68 nuovi servizi e 17 miliardi di € di fatturato complessivo. Inoltre, va sottolineato come delle cinque migliori aree di applicazione di idee di business il 42% appartenga ai settori trasporti e salute, seguiti da energia (12%), attività manifatturiere (10%) e fornitura di acqua e trattamento dei rifiuti (7%). Infine, le prime PMI vincitrici presentano alcune caratteristiche in comune: sono consolidate, giacché l'85% di esse è presente da più di 3 anni sul mercato; sono "campioni" d'innovazione, dal momento che il 50% ha già ricevuto dei premi; commerciano al di fuori dei confini (il 50% di loro già opera sul mercato globale, mentre il 75% sul mercato UE). Evidentemente, la maggior parte delle MPI italiane che hanno finora partecipato a questa misura, non dispongono di analoghe caratteristiche.

    Eppure, guardando al numero delle imprese che hanno risposto alle varie call, si potrebbe dire che l'Italia è arrivata all'appuntamento con H2020 con grandi aspettative sul piano progettuale: non per nulla l'Italia si è confermata anche in questo ambito come lo Stato europeo con il maggior numero di proposte presentate, seguita da Spagna e Regno Unito. Questo non significa però che i risultati a fine istruttoria abbiano confermato la leadership italiana: infatti, le prime scadenze hanno evidenziato piuttosto come sia la Spagna lo Stato membro che per questo strumento raccoglie il maggior numero delle proposte finanziate.

    Se si analizza il numero di partecipanti per Paese con il rispettivo finanziamento ricevuto, l'Italia è prima per numero di partecipanti sia nelle proposte presentate (ben 417) che nelle proposte finanziate(36).

    Nelle proposte presentate, poi, dei 417 partecipanti italiani, 351 sono coordinatori (o singoli proponenti); nelle proposte finanziate, invece, 27 aziende italiane su 36 sono coordinatori (o singoli proponenti) per un totale di circa 1,6 milioni di € di budget disponibile per le nostre PMI (su un totale di 8,9 milioni di €) per lo sviluppo del business plan. Complessivamente, dunque, il profilo delle imprese europee partecipanti in termini di grandezza non si discosta in modo considerevole da quello delle precedenti scadenze: il 50% dei proponenti sono micro-imprese con meno di 5 addetti, ma le imprese finanziate tendono ad essere leggermente più grandi, giacché solo un terzo del totale sono micro-imprese.

    La fase di informativa e di diffusione dei bandi ha comunque funzionato: tanti soggetti nuovi si sono avvicinati ai fondi europei. Però, i vincitori italiani sono ancora troppo pochi: solo 20 nella prima tornata, con un tasso di successo al di sotto della media europea. È presumibile che in altri Stati membri le Istituzioni, pubbliche e private, abbiano preparato meglio le loro aziende ad affrontare questo strumento d'intervento

    La sollecitazione proveniente dalla Commissione è che a livello nazionale e regionale si agisca per coadiuvare una progettualità di qualità e per investire nell'ottica della complementarietà. Alcune Regioni, come ad esempio Lazio e Lombardia, si sono già attrezzate, tramite voucher per la preparazione delle domande e sostenendo i progetti in graduatoria, che però non sono stati finanziati. Il MISE poi ha stanziato 800 milioni di euro su tre diverse iniziative che vanno in una direzione simile, per cui l'Agenzia per la Coesione e lo Sviluppo potrebbe svolgere un ruolo di cabina di regia per le diverse misure della politica di coesione che incrociano le dinamiche dell'innovazione nelle PMI.

    Certamente, poi, bisogna rafforzare la natura bottom-up dello strumento PMI: se da un lato è convincente l'idea di una rigorosa e severa selezione per identificare la parte migliore dell'innovazione europea, dall'altro bisogna assicurarsi che si possano presentare aziende con diversi modelli di business e molteplici specializzazioni tecnologiche, affinché le intuizioni imprenditoriali per avanzamenti scientifici e tecnologici riescano effettivamente a individuare le loro potenziali applicazioni sul piano produttivo.

    Tornando ad un'analisi più specifica della partecipazione italiana, dai dati per singola regione (grafico 2) appare con evidenza come quasi tutte le proposte finanziate siano state presentate da aziende localizzate nelle regioni del Centro-Nord. Anche dai dati riguardanti le proposte avanzate dalle PMI e quelle effettivamente finanziate per singole regioni si evince che le uniche proposte sovvenzionate sono quelle di aziende collocate nel nord del Paese.

    In altre parole, l'analisi territoriale dei dati relativi ai finanziamenti per le call 2014 dello Sme Instrument tenderebbe a dimostrare che le imprese del Mezzogiorno presentano la più elevata percentuale di fallimenti nella competizione per l'aggiudicazione di questi fondi gestiti dalla Commissione europea (Viola, 2015).

    Se ci si chiede a cosa sia dovuto l'alto tasso di fallimenti, una risposta a questa cruciale domanda è stata fornita dal Distretto Campania Bioscience, per il quale i principali epic fail commessi dalle imprese italiane sono(9): un eccessivo focus sul progetto anziché sull'opportunità di business; presentazioni delle aziende scarsamente attraenti; carenza di informazioni relative alla concorrenza; scarso livello d'innovazione di taluni progetti giacché questi mirano a sviluppare prodotti già esistenti; assenza di riferimenti alla fase di commercializzazione dei progetti; infine, domande che non soddisfano i requisiti, per cui sembrano essere state presentate semplicemente per "tentare la sorte".

    Si tratta di valutazioni molto drastiche che – sebbene abbiano un qualche indubbio fondamento – personalmente si ritiene di dover "congelare" in attesa che a metà programma siano disponibili risultati più certi, tali cioè da poter esprimere giudizi più affidabili in merito.

     

    Riferimenti bibliografici

    Commissione europea – Direzione Imprese (2011), Are EU SMEs recovering from the crisis? Annual Report on EU Small and Medium sized Enterprises 2010/2011, Rotterdam, Cambridge

    Viola V. (2015), Fondi europei, Pmi bocciate in progettazione: 59 beneficiarie su oltre 800 domande, http://www.ilsole24ore.com/, 6 marzo.

     

     

    Appendice grafica e statistica

    Grafico 1. Numero di imprese beneficiarie per paese

     

    Grafico 2. Numero di proposte presentate e finanziate per regione

     

    Tabella 1

     

    Tabella 2

     

     

     

     

    Nota(1) Horizon 2020 è il Programma istituito dall'Unione Europea per finanziare la ricerca scientifica e l'innovazione e, in tal modo, assicurare la competitività del sistema Europeo a livello globale

    Nota(2) COSME invece è il nuovo programma dell'UE a favore della competitività delle PMI per il periodo 2014-2020, che idealmente prosegue le attività inserite nel precedente programma quadro per la competitività e l'innovazione (CIP)

    Nota(3)   Cfr. Commissione europea-Direzione Imprese (2011)

    Nota(4)  In merito si segnala fra l'altro che nella fase 3 dello strumento per le PMI s'intende realizzare anche la connessione tra il programma Horizon 2020 e la politica di coesione, attivando delle sinergie con i fondi strutturali anch'essi destinati al sostegno della ricerca e dell'innovazione nelle imprese

    Nota(5)  Oltre a richiedere fino a tre giorni di business coaching

    Nota(6) La ripartizione del totale delle imprese europee beneficiarie per ciascuna delle 3 cut-off avvenute nel 2014 e per singolo Stato dei 32 ammessi al Programma, è contenuta nella tabella 1

    Nota(7)  Tale importo sale a € 5.000.000 per i progetti sanitari

    Nota(8)  Tali aziende avranno anche diritto a beneficiare fino a 12 giorni di business coachinge

    Nota(9) Queste sono le principali conclusioni cui è giunto l'incontro ""Sme Instrument & Fast Track to Innovation", promosso dal Distretto tecnologico Campania Bioscience, in collaborazione con Apre Campania, Confindustria Campania e Unione Industriali di Napoli

    Copyright © 2018 Politiche Piemonte. Tutti i diritti riservati.