Modelli di rete: pratiche e prospettive per il Piemonte

    di Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. (Università degli Studi di Milano-Bicocca, Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale)

    Introduzione

    La ricerca sui contratti di rete alla quale si fa riferimento in questo numero di Politiche Piemonte ha suggerito l'individuazione di alcuni modelli di rete. Il modello più semplice, e forse più diffuso tra le aggregazioni oggetto della nostra analisi, è quello che abbiamo chiamato "a connessione orizzontale", o "per il mercato", nel quale le imprese cooperano per presentarsi sul mercato con un catalogo o una gamma di prodotti in qualche modo comuni.

    Il secondo modello è più complesso dal punto di vista organizzativo, ma possiamo ipotizzare che sia particolarmente utile per descrivere la struttura produttiva italiana e in particolare quella piemontese, almeno in alcuni dei settori più consolidati dell'economia locale. Si tratta di reti "verticali", che disegnano i rapporti presenti all'interno di filiere o catene di fornitura, e che abbiamo definito come "reti per la produzione". Il terzo modello raccoglie reti che vengono costituite con lo scopo esplicito di perseguire un fine alternativo o comunque diverso da quello dei nodi che vi prendono parte; reti attraverso le quali le imprese costituiscono un nuovo centro di ricerca, o danno vita ad un nuovo prodotto. In questi casi la rete assume una funzione non solo di coordinamento, ma "generativa", perché consente la creazione di qualcosa di nuovo che non supera solo le strategie di commercializzazione o produttive preesistenti, ma che introduce un prodotto, una tecnologia o una linea di prodotti significativamente nuovi.

     

    Reti a connessione orizzontale, per il mercato

    Il modello più facile da incontrare nel corso di una ricerca sui contratti di rete è quello costituito da imprese tra loro simili, che si aggregano per raggiungere un peso più consistente sul mercato di sbocco. I mercati di riferimento possono essere domestici o internazionali, e spesso queste reti si presentano come reti "per l'internazionalizzazione".

    Queste reti coinvolgono in genere imprese collocate su segmenti uguali o contigui dei processi produttivi, e quindi non in diretta competizione le une con le altre. Le relazioni tra le aziende sono di tipo "orizzontale", perché i rapporti non sono gerarchici né di fornitura.

    Il contratto di rete viene spesso sottoscritto per aggregare una quantità di prodotto sufficiente per accedere a un nuovo mercato (come nel caso delle produzioni vitivinicole dirette ad esempio ai mercati orientali), oppure per promuovere un brand comune. Tra i casi da noi analizzati, emerge a questo proposito quello della rete Ebt "Exclusive Brands Torino", che raccoglie 14 imprese del "lusso", prevalentemente collocate nella provincia di Torino. Si tratta di marchi noti, con posizioni di leadership sui rispettivi mercati, che aderiscono alla rete con lo scopo di accedere a fiere o altre occasioni commerciali in modo congiunto.

    Le reti per la commercializzazione sono tendenzialmente omogenee, almeno in relazione agli aspetti che spingono alla cooperazione (sia che si tratti dell'appartenenza allo stesso settore o alla stessa attività, sia che si tratti del riferimento a segmenti elevati del mercato e dell'appartenenza geografica, ovvero alle caratteristiche definiscono il brand come "esclusivo" e "torinese"). Le transazioni che intercorrono tra i nodi della rete prevedono lo scambio di informazioni, anche strategiche, ma non di merci o materiali, perché ogni impresa gestisce la produzione in modo indipendente dalle altre. La rete può però consentire l'acquisto comune di materie prime o servizi a condizioni vantaggiose. Dal punto di vista organizzativo il modello prevede un impatto minimo sulle singole organizzazioni: si tratta, appunto, di collaborazioni "per il mercato", finalizzate a forme coordinate di commercializzazione.

     

    Reti verticali per la produzione

    Il secondo modello di rete sembra particolarmente efficace per descrivere una struttura produttiva basata su filiere e su catene di fornitura e sub-fornitura. Le relazioni tra i nodi non sono più esclusivamente orizzontali, ma la rete assume una forma verticale che ripercorre il processo produttivo. L'interdipendenza tra i membri della rete è molto più spiccata, e spesso l'azienda "testa di filiera" spinge i fornitori considerati strategici a costituire un'aggregazione con qualche tipo di stabilità, con lo scopo esplicito di consolidare i rapporti di subfornitura. All'interno della rete sono presenti, quindi, relazioni di mercato che prevedono lo scambio di prodotti e semilavorati, ma anche relazioni potenzialmente gerarchiche, perché il "primo produttore" è in grado di definire gli standard tecnologici e di qualità, nonché i tempi e le modalità della fornitura.

    Si tratta di reti più eterogenee di quelle appartenenti al modello precedente, perché comprendono imprese attive in fasi diverse di uno stesso processo produttivo, ma soprattutto perché la filiera è in genere guidata, coordinata o portata ad unità dall'impresa "capofila" alla quale è affidato il compito di interagire con il mercato di sbocco del prodotto.

    Tra i casi analizzati nel corso della nostra ricerca, uno collocato in provincia di Torino rappresenta in modo emblematico questo modello: la rete Spea.net, che raccoglie sotto la leadership esplicita della capofila (Spea Spa) dieci fornitori collocati sul territorio.

    Spea è leader mondiale nel settore delle macchine di collaudo per microchip e schede elettroniche. I suoi macchinari sono montati sulle linee di produzione delle multinazionali che dominano il mercato degli smartphone. Gli altri membri della rete contribuiscono al prodotto di Spea con lavorazioni meccaniche, attività di montaggio e collaudo, produzione di circuiti stampati, mobili metallici, tecnologie di collegamento, schede elettroniche, sistemi pneumatici, eccetera.

    Se è vero, quindi, che le reti di questo tipo descrivono bene i punti di forza del sistema industriale italiano, è anche vero che il contratto di rete svolge più che altro la funzione di rendere esplicite le relazioni tra tutti i membri dell'aggregazione, più che di crearne di nuove. In molti casi, tuttavia, mentre il rapporto tra il capofila e i suoi fornitori è esplicito e regolato da qualche tipo di documentazione o di consuetudine, le relazioni tra i fornitori sono poche o nulle. Gli effetti del contratto si possono quindi tradurre anche in un intensificarsi delle relazioni (più orizzontali) tra i membri del sistema di fornitura, che contribuisce alla competitività della rete.

     

    Reti generative, per l'innovazione

    Vi è un terzo tipo di contratto di rete, che descrive aggregazioni esplicitamente finalizzate alla creazione di un prodotto, un processo, un investimento congiunti tra due o più soggetti.

    Tra i casi considerati dalla nostra ricerca, la rete Improlight, ad esempio, sancisce la collaborazione fra tre imprese dell'area metropolitana torinese: due appartenenti allo stesso gruppo e dedicate alla produzione di sistemi di fanaleria posteriore e illuminazione interna per il settore automotive, la terza produttrice di sistemi di controllo numerico per macchine utensili. Il contratto di rete viene sottoscritto, poco dopo la sua introduzione, con l'obiettivo esplicito di usufruire degli sgravi fiscali messi a disposizione nella prima fase di promozione dello strumento. L'investimento ha dato vita ad un laboratorio di ricerca e sviluppo congiunto tra i due gruppi, una struttura organizzativa che prima non esisteva e che in qualche modo struttura una relazione tra i nodi che è difficile definire "leggera", sebbene le attività della rete possano essere considerate come indipendenti rispetto a quelle svolte all'interno di ciascuno dei nodi.

    Le reti di questo tipo, che possiamo definire "generative", sono perlopiù eterogenee, perché vi partecipano imprese dedicate ad attività diverse, ma anche perché favoriscono il coinvolgimento di centri di ricerca o dipartimenti universitari.

     

    Quali reti per l'economia piemontese?

    Data la struttura produttiva piemontese, l'intensificarsi del ricorso a contratti di rete potrebbe costituire uno degli strumenti per la gestione della transizione industriale.

    In settori come quello agroalimentare, ad esempio, il contratto di rete può essere particolarmente efficace per la promozione di produzioni di alta qualità, perché consente, per propria natura, la tutela dei singoli marchi, prodotti o etichette che entrano a far parte dell'aggregazione (a differenza di quanto avviene per forme più tradizionali di aggregazione già presenti in questi settori).

    Nel campo delle produzioni metalmeccaniche, invece, la sottoscrizione di contratti di rete tra imprese del sistema fornitura automotive, ad esempio, potrebbe costituire un eccellente strumento per accrescere la competitività del sistema, aiutando le imprese medie e piccole ad assumere responsabilità di gestione e coordinamento indispensabili per rendere matura l'autonomia dal primo produttore. I casi di questo tipo rilevati in Piemonte sono tra i più virtuosi tra quelli studiati nel corso della ricerca, e suggeriscono possibilità di sviluppo interessanti alle quali le politiche locali dovrebbero guardare con maggiore attenzione. 

    Copyright © 2018 Politiche Piemonte. Tutti i diritti riservati.