Quanto è sostenibile il Piemonte?

    di Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. (IRES Piemonte), Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. (Unito)

    La sostenibilità può essere oggetto di due principali interpretazioni (entrambe necessarie), cui corrispondono metodiche diverse di analisi. L’una, forse più nota, posiziona la sostenibilità all’intersezione delle tre sfere dell’ambiente, della società e dell’economia; l’altra si pone in un’ottica di maggiore integrazione, tale per cui la sfera ambientale comprende al proprio interno la sfera sociale che a sua volta comprende la sfera economica. Le misure in questo secondo caso si basano prevalentemente su indicatori sintetici di quantificazione della quota di natura consumata e rigenerata. Indicatori quali quelli dell’impronta ecologica (Ecological Footprint) o dei flussi di materiali (Material Flow Analysis)

    La qualità dell’Ambiente in Piemonte

    di Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., Arpa Piemonte

    Gli eventi economici, sociali e ambientali degli ultimi anni pongono lo sviluppo sostenibile al centro delle aspirazioni della comunità globale. Per l’Italia e il Piemonte la definizione di una Strategia, nazionale e regionale, che confermi in un orizzonte di lungo periodo il percorso di riforma degli ultimi anni, è un’esigenza imprescindibile. Arpa Piemonte, insieme a Regione Piemonte, già da tempo sta portando avanti un percorso per definire la sostenibilità del territorio e per adottare iniziative idonee.

    Le pressioni sull’ambiente in Piemonte

    diQuesto indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., Arpa Piemonte

    In questo articolo vengono descritte sinteticamente alcune pressioni esercitate sull'ambiente che causano modifiche allo stato delle componenti ambientali. Pressioni che sono sviluppate in modo più esaustivo nella Relazione sullo Stato dell’Ambiente (http://relazione.ambiente.piemonte.it/it) [1]. Vengono affrontate quattro grandi tematiche clima, aria, acqua e territorio, che tracciano lo stato di salute dell’ambiente in Piemonte secondo il modello riconosciuto a livello internazionale DPSIR (determinanti, pressioni, stato, impatti, risposte).

    Verso un Piemonte più sostenibile

    di Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., IRES Piemonte

    In estrema sintesi possiamo dire che lo sviluppo è sostenibile quando rigenera il capitale sociale, economico e ambientale della comunità regionale, anziché intaccarlo in modo irreversibile: tanto consumo, tanto devo rigenerare. Ma non basta, perché non tutte le situazioni di equilibrio sono egualmente desiderabili e la Relazione 2019 analizza diversi fenomeni che minacciano la sostenibilità. Fra questi: la polarizzazione dell’economiala, la Low skill trap, le tensioni potenzialmente emergenti dal rapporto demografia - salute, l’evoluzione del triangolo tecnologia – mobilità – uso degli spazi.

    Il tessuto imprenditoriale piemontese nel 2018 e nei primi mesi del 2019

    di Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., Responsabile Ufficio Studi e Statistica, Unioncamere Piemonte 

    Nel 2018 l’economia italiana ha registrato una frenata che ha coinvolto anche la nostra regione. La ricchezza prodotta dal Piemonte si è attestata a 135 miliardi di euro circa, il 7,7% del valore nazionale. Il Piemonte si è confermato, nonostante il rallentamento, una delle principali realtà nazionali per la produzione di ricchezza. In base a dati di Prometeia, il PIL prodotto dalla regione ha evidenziato una performance modesta, incrementandosi solo dello 0,6% rispetto all’anno precedente, risultato peggiore in confronto a quanto realizzato nel 2017.

    I principali contenuti dell’ultimo Rapporto annuale della Banca d’Italia sull’economia del Piemonte

    di Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., Banca d’Italia – Sede di Torino

    Nel complesso del 2018 l'economia piemontese ha fatto registrare un ulteriore moderato recupero. La dinamica economica è pero andata indebolendosi nel corso dell'anno. L’attività è ulteriormente cresciuta nell’industria, ma a tassi inferiori al 2017. La propensione a investire delle imprese si è indebolita nella seconda parte dell'anno in connessione con il deterioramento del clima di fiduciaNei servizi l’andamento è stato ancora positivo. Nelle costruzioni è emerso qualche segnale di lieve recupero, ma i livelli produttivi rimangono ancora molto bassi.

    Editoriale Come va il Piemonte? Verso la sostenibilità

    di Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., IRES Piemonte

    Come ogni anno eccoci di nuovo col numero autunnale di Politiche Piemonte che fa il punto sulla situazione della regione raccogliendo, e aggiornando se il caso, i vari contributi che prima dell’estate hanno fornito la Banca d’Italia, l’IRES Piemonte, l’ARPA-Piemonte, Unioncamere, circoscrivendo le coordinate sociali e economiche che caratterizzano il Piemonte.Due anni fa si diceva nell’editoriale di Politiche Piemonte che si stava ancora rimontando la china, l’anno scorso si è detto che la china era stata rimontata in diversi indicatori congiunturali ma andava consolidata. Quest’anno bisogna riconoscere che il consolidamento è difficile e, soprattutto nella seconda parte dell’anno, il rallentamento si è palesato in diversi indicatori. Si riscontra una dinamica complessa che necessita di una visione pluri-temporale.

    Il tessuto imprenditoriale piemontese nel 2017 e nei primi mesi del 2018

    di Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. (Responsabile Ufficio Studi e Statistica, Unioncamere Piemonte)

    In linea con quanto avvenuto a livello nazionale, il 2017 è risultato un anno complessivamente positivo per il Piemonte, anche se si intravedono ancora alcune criticità. La ricchezza prodotta nella nostra regione si è attestata a 118,4 miliardi euro, il 7,7% del valore nazionale. 

    Pagina 1 di 11

    Copyright © 2018 Politiche Piemonte. Tutti i diritti riservati.