Le coordinate socioeconomiche del Piemonte. Rapporto IRES 2013

    a cura di Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - IRES Piemonte

    Il quadro generale

    L'economia mondiale a metà 2012 è ancora condizionata dalla crisi finanziaria. Le tre principali aree del pianeta, USA, Europa e Cina, mostrano segnali rassicuranti e preoccupanti insieme. Al tempo stesso non si vede all'orizzonte una vera soluzione: evitate o spostate in avanti le maggiori criticità, nessuna di esse è stata superata. La crescita del Pil mondiale si è fermata al 2,9% nel 2012 e non eccederà il 3,5% nel 2013. Deboli segnali di miglioramento nel finale dell'anno, soprattutto nei paesi emergenti.

     

    In Europa la dinamica dell'economia ha subito un sensibile peggioramento a partire dal secondo trimestre dell'anno scorso, con variazioni negative del Pil nei due trimestri centrali dell'anno. In attenuazione invece gli squilibri in alcuni paesi periferici: migliora la bilancia dei pagamenti in Spagna, Portogallo e Grecia, si ridimensionano gli squilibri dei mercati immobiliari in Spagna e Irlanda, mentre la situazione finanziaria delle famiglie si allenta in misura apprezzabile in Irlanda e, anche se solo marginalmente, in Spagna. Nel complesso il PIL dell'UEM dovrebbe registrare segno meno nel 2013 (-0,2%) con un miglioramento relativo rispetto al -0.4% del 2012. L'elevata disoccupazione causa una compressione dei redditi familiari e quindi dei consumi cui si aggiungono gli effetti sul reddito disponibile delle manovre fiscali restrittive.

     

    L'economia in Italia

    In Italia le tensioni che avevano messo a rischio la tenuta del sistema economico e finanziario nella parte finale del 2011 sono state superate ma al prezzo di acuire una fra le recessioni più gravi. Gli effetti positivi delle riforme a carattere strutturale (pensioni, mercato del lavoro, liberalizzazioni) non hanno potuto manifestarsi in assenza di politiche per la crescita. Nel 2012 l'economia italiana ha continuato un percorso recessivo iniziato a partire dal terzo trimestre del 2011, con una caduta del Pil che nella media annua dovrebbe attestarsi al -2,4%. Le esportazioni ancora in rallentamento e ancor più le importazioni, per effetto della minor attività produttiva e della contrazione dei consumi: la domanda estera netta ha pertanto offerto un sostegno, modesto, all'economia. La domanda interna è invece crollata: -4,3%. Hanno influito le misure fiscali messe in atto a partire dall'estate dell'anno scorso che hanno accentuato la caduta dei consumi privati, diminuiti del 4%, e hanno indotto una nuova contrazione degli investimenti fissi. La recessione non si è ancora fermata anche se nel corso del 2013 si prevede un miglioramento della situazione congiunturale: nella media dell'anno si registrerebbe una ulteriore contrazione del Pil, anche se contenuta nel -0,6%.

     

    L'economia in Piemonte

    Fra il 2000 e il 2009, il Piemonte ha rilevato un dinamica del PIL pari a -4,3%, la più debole nel contesto delle regioni italiane, e -25% per quanto riguarda la dinamica del valore aggiunto dell'industria – la peggiore insieme alla Basilicata – a sottolineare la presenza di difficoltà strutturali del contesto produttivo regionale preesistenti alla 'grande crisi'. Nella fase di 'ripresa', l'economia del Piemonte ha recuperato nel 2011, con una dinamica superiore al dato nazionale (+3,6% rispetto a +1,8%) ma nel 2011 ha rallentato, allineandosi alla dinamica nazionale (+0,8% contro +0,4% per l'Italia). L'andamento recessivo nella parte finale del 2011 si è aggravato trasformando il 2012 in un anno di recessione: la dinamica del Pil, in modesta crescita, ha subito una contrazione analoga a quanto riscontrato a livello nazionale (-2,3%), confermando un andamento meno favorevole rispetto all'area settentrionale.

    Gli occupati in Piemonte si riducono di 75.000 unità (-4%) con una pesante caduta del tasso di occupazione (dal 65,3% al 63,1%). Con 40.000 disoccupati in più rispetto allo stesso periodo 2011 (+24,4%), si raggiungono due soglie critiche: 200.000 persone alla ricerca attiva di lavoro, tasso di disoccupazione al 10% . L'aumento della disoccupazione è in linea con quello nazionale (+23%). Il crollo occupazionale dell'ultimo trimestre 2012 invece non trova analoghi riscontri sul territorio nazionale.

     

    L'economia nelle province

    Scendendo al livello provinciale, nel 2012, pur in un clima completamente mutato, Torino si conferma per un andamento non peggiore di altre realtà territoriali della regione. Biella, condivide in parte la situazione di Torino. Non dissimile la situazione di Asti per quanto riguarda la dinamica del settore manifatturiero. Novara vede una situazione di forte calo occupazionale, in un contesto di significativa contrazione della produzione industriale. Vercelli e Verbania fanno riscontrare una contrazione nel manifatturiero simile a Novara, così come evidenziano un sensibile deterioramento sul mercato del lavoro. Ad Alessandria il buon andamento di export e produzione industriale non mettono al riparo la provincia da un ulteriore marcato ridimensionamento dell'occupazione industriale e di un forte aumento del tasso di disoccupazione. Cuneo si conferma la provincia meno colpita dalla recessione anche se il quadro occupazionale subisce un sensibile peggioramento.

    Sul fronte occupazionale territoriale, cambia la graduatoria dei livelli di disoccupazione: se fino al 2011 Cuneo spiccava in termini positivi e Torino e Biella in termini negativi, nel 2012 restano quasi fermi i valori di queste due ultime province, che invece crescono negli altri territori, e in particolare nella provincia di Cuneo. Alla perdita di occupazione, giovanile soprattutto, si associa la caduta del volume di lavoro effettivo: le ore lavorate diminuiscono, per il massiccio utilizzo della CIG, ma anche per la crescita del part-time e per la contrazione della richiesta di straordinari.

    Le tendenze mostrano un progressivo deterioramento della situazione che nell'ultimo trimestre sembra precipitare, più di quanto indicato dalla media annua. Sul piano economico le previsioni sono pessimistiche e sul piano sociale si stanno erodendo le soglie di tenuta e di resistenza alla crisi di individui, famiglie e istituzioni. Emergono segni di cedimento degli argini convenzionali, a partire da quelli rappresentati dal sistema di ammortizzatori sociali. Tanto sul piano dell'economia reale quanto su quello dell'organizzazione sociale i segnali di reazione sono deboli e prevale l'attesa di un ritorno allo status quo ante. Per fronteggiare gli effetti della crisi e contribuire a superarla serve invece un maggiore sforzo collettivo di immaginazione e capacità di realizzare.

     

    Il 2013, anno della ripresa?

    Per il 2013, si prospetta un quadro di lento miglioramento del contesto globale che –forse- potrà determinare l'inversione dell'andamento recessivo per l'economia italiana solo verso la fine dell'anno. Escludendo il materializzarsi di scenari più negativi, la crescita modesta dell'economia mondiale (e la dinamica ancora negativa in Europa per buona parte dell'anno in corso) fa ritenere per il Piemonte un andamento nel complesso dell'anno ancora recessivo (-1,3% la variazione ipotizzata del Pil), un valore prossimo a quello previsto per l'economia italiana.

    La dinamica delle esportazioni nel 2013 risulterà in modesta espansione con un aumento di poco più dell'1%, in termini di volumi esportati. La domanda interna risulterebbe ancora in contrazione, con una caduta di quasi tre punti percentuali. I consumi delle famiglie si contrarrebbero di un ulteriore 2,6%. Il reddito disponibile in termini nominali risulterebbe in modesta crescita. Tuttavia si prevede una diminuzione in termini reali, con un tasso di inflazione inferiore al 2%. In caduta anche gli investimenti fissi lordi un ulteriore -5,1% (-8% circa nel 2012). La recessione, inoltre, graverebbe ulteriormente sulla situazione del mercato del lavoro innalzando di circa un punto e mezzo il tasso di disoccupazione, che raggiungerebbe un nuovo record, collocandosi al 10,7%. Per l'industria manifatturiera si prevede una diminuzione del valore aggiunto del 2% circa, mentre si ipotizza una dinamica negativa ancor più accentuata per l'attività nel settore delle costruzioni (quasi -4%). Il 2013 sarebbe un anno di ulteriore arretramento anche per la produzione nei servizi, sebbene più contenuta rispetto ai settori citati.

     

    La qualità sociale

    Nel 2011 i piemontesi poveri e a rischio di povertà, ossia con un reddito al di sotto del 60% del reddito mediano nazionale, erano il 22%. Si tratta di quasi 960.000 persone, in aumento rispetto alle 750.000 circa degli anni precedenti. Un livello molto alto rispetto alle altre principali regioni del nord con percentuali dal 14,9% dell'Emilia-Romagna al 16,1% della Lombardia, con una forbice che si apre in particolare in questi ultimi anni.

    Una nota positiva arriva dagli studi sulla qualità della vita e del benessere sostenibile. Le anticipazioni degli indicatori BES – Istat (Benessere Equo e Sostenibile) per il 2012 (aggiornate a maggio 2013) segnalano un parziale disaccoppiamento rispetto a quelli economici: questi ultimi declinano mentre i primi mostrano segnali differenziati. Negativi, con un cedimento nelle dimensioni economiche e legate alle condizioni di vita dei singoli, quelli riferiti all'individuo come produttore o consumatore. Positivi per le dimensioni legate agli aspetti relazionali e riferiti all'individuo come elemento di una rete sociale, amicale o familiare. Anche la classifica della Qualità di vita(1) complessiva registra qualche significativo mutamento, con una crescita di Biella e soprattutto di Vercelli e un peggioramenti di Asti e Novara. In particolare Cuneo risulta prima nelle dimensioni Tempi di vita, Benessere soggettivo e Politica mentre le rimanenti 9 dimensioni si collocano sempre fra il 3° e il 5° posto. Biella è prima per le Reti sociali e le rimanenti dimensioni si collocano fra il 2° e il 6° (ma con ben 5 secondi posti). Sono anche le due uniche province a non registrare mai una posizione ultima o penultima. Buona anche la posizione di Verbania, ma si tratta di una conferma rispetto all'anno precedente. Il maggior numero di ultimi posti invece nelle province di Alessandria (che conferma la situazione dell'anno precedente) e di Novara e Asti (che peggiorano la posizione in classifica, invece).

     

    Tabella 1 – La qualità della vita nelle province del Piemonte

    2013

    AL

    AT

    BI

    CN

    NO

    TO

    VB

    VC

    Ambiente

    8

    7

    2

    3

    6

    4

    1

    5

    Salute

    6

    1

    5

    2

    8

    4

    3

    7

    Ben. materiale

    8

    7

    2

    4

    5

    6

    1

    3

    Istruzione

    3

    2

    7

    5

    8

    1

    6

    4

    Tempi di vita

    8

    6

    2

    1

    3

    5

    7

    4

    Reti

    3

    6

    1

    5

    8

    7

    4

    2

    Sicurezza

    7

    8

    4

    3

    5

    6

    1

    2

    Ben. soggettivo

    7

    8

    5

    1

    3

    4

    6

    2

    Paesaggio

    6

    7

    3

    2

    8

    5

    4

    1

    Innovazione

    6

    8

    3

    4

    2

    1

    5

    7

    Servizi

    8

    4

    2

    5

    3

    6

    1

    7

    Politica

    3

    8

    6

    1

    4

    2

    7

    5

    Fonte: elaborazione IRES Piemonte

     

    Piemontesi più pessimisti dell'anno precedente sia sull'anno appena passato che per l'immediato futuro dell'economia. Anche l'andamento recente e le prospettive immediate della propria situazione familiare confermano questa posizione negativa. Situazione patrimoniale delle famiglie: per la prima volta il numero di chi s'indebita supera quello di chi risparmia.

    Alla domanda "quali sono le prime due preoccupazioni" i piemontesi rispondono: il lavoro (30,9%) seguito da criminalità (22,8%) e tassazione (20,2%). Considerando però la media delle prime due preoccupazioni sono criminalità e tassazione i due principali problemi dei piemontesi (rispettivamente 23,52% e 23,48%) seguite dalla difficoltà a trovare lavoro (22,16%).

     

    Una strategia di crescita

    L'aumento del numero di persone in difficoltà è uno dei dati più evidenti che la crisi economica iniziata nel 2008 ci consegna. Le dimensioni assunte, non solo in Italia fra l'altro, dal fenomeno rendono evidente la necessità di una strategia di superamento della crisi che non può basarsi solo sull'assistenza a chi ha bisogno, doverosa ma insufficiente e sempre più difficile da garantire.

    La crescita è la soluzione alla crisi. Affinché non si tratti solo di uno dei tanti mantra ideologici ripercorsi troppe volte negli ultimi anni, è doveroso domandarsi quale crescita si auspichi, prima ancora che come ottenerla, dato che il secondo aspetto discende dal primo.

    La crescita sperimentata fino al 2008 e ancor più nei decenni precedenti, non solo sembra oggi difficile da riprodurre, ma forse nemmeno auspicabile. È stato infatti proprio quel tipo di crescita a creare i presupposti della crisi attuale.

    Correnti profonde di trasformazione degli stili di vita e di consumo si sono mosse negli ultimi decenni, lungamente sottovalutate o del tutto ignorate dai decisori delle politiche economiche e finanziarie a livello nazionale e sovra-nazionale. Credere che al momento della ripresa, peraltro nelle previsioni degli osservatori sempre più ridimensionata e posticipata, si possa ripartire mantenendo intatta l'organizzazione economica e sociale attuale (che s'è dimostrata finora così inadeguata nel far fronte alla crisi) è illusorio. Serve la crescita, ma di qualità diversa e per ottenerla non bastano provvedimenti isolati: è necessaria una strategia.

    Il progetto "Europa 2020" per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva (quindi green economy, investimenti in istruzione e ricerca, nuove tecnologie per innovare la P.A.) offre una prospettiva in questo senso. Anziché perdere di consistenza a seguito della crisi, è diventato ancora più attuale.

     

     


    Aggiornamenti

     

    Le variabili socio-politiche hanno influenzato in misura rilevante le dinamiche recenti dell'economia, spiazzando molte previsioni e rendendo necessari aggiornamenti continui degli scenari di ripresa.

    A luglio 2013 le prospettive di crescita sono state riviste al ribasso. Per il FMI il PIL a fine 2013 registrerà +1,3% a livello mondiale, - 0.6% nella UE e -1,8% in Italia. Per la Banca d'Italia la diminuzione del PIL sarà dell'1,9%, pur con molta incertezza sui dati. Per l'Italia, la nota positiva è che il ribasso è dovuto alle modeste prestazioni dell'economia nella prima parte dell'anno, superiori alle aspettative. La dinamica più recente è invece moderatamente positiva, al punto da far prevedere un +0.7% di crescita per il 2014.

     


     

     

    Per approfondimenti

    La Relazione socioeconomica dell'IRES è disponibile all'indirizzo http://www.regiotrend.piemonte.it

       

     

    Nota(1) La qualità della vita in Piemonte, regiotrend.piemonte.it/site/index.php?option=com_content&view=article&id=226&Itemid=259


    Copyright © 2018 Politiche Piemonte. Tutti i diritti riservati.