I principali contenuti dell’ultimo Rapporto annuale della Banca d’Italia sull’economia del Piemonte

    a cura di Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. (Banca d'Italia – Sede di Torino)

    Introduzione e sintesi

    Nel 2013 l'attività economica in Piemonte si è ulteriormente ridotta. A partire dalla seconda metà dell'anno scorso sono emersi segnali di lieve miglioramento della congiuntura. Le attese delle imprese rilevate dalla Banca d'Italia tra gli scorsi mesi di marzo e aprile sembravano prefigurare un ulteriore graduale miglioramento per l'anno in corso; il quadro congiunturale tuttavia rimane caratterizzato da un'elevata incertezza e da numerosi fattori di rischio.

    EDITORIALE N.28 - Come va il Piemonte

    di Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. (IRES Piemonte)

    Eccoci di nuovo a riflettere sui processi socioeconomici regionali trattati prima del periodo estivo dai diversi istituti di ricerca e ora aggiornati: Banca d'Italia, IRES, Ufficio Studi Unioncamere Piemonte, Fondazione Giorgio Rota. Si ritorna, o meglio si riparte dalla crisi che non accenna a cessare.

    EDITORIALE N.28 - Come va il Piemonte

    di Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. (IRES Piemonte)

    Eccoci di nuovo a riflettere sui processi socioeconomici regionali trattati prima del periodo estivo dai diversi istituti di ricerca e ora aggiornati: Banca d'Italia, IRES, Ufficio Studi Unioncamere Piemonte, Fondazione Giorgio Rota. Si ritorna, o meglio si riparte dalla crisi che non accenna a cessare.

    Piemonte in Cifre 2014: lo scenario socio-economico piemontese descritto attraverso i dati dell’Annuario statistico regionale e del Quadro statistico complementare

    di Sarah Bovini (Responsabile Ufficio Studi e Statistica, Unioncamere Piemonte)

    Sintesi

    La ventiduesima edizione di "Piemonte in cifre" traccia un bilancio del 2013 e dei primi mesi del 2014. Nel 2013 hanno iniziato ad intravedersi alcuni segnali incoraggianti per l'economia piemontese: a fronte di dati ancora negativi relativi al prodotto interno lordo, che in base alle stime di Prometei è diminuito del 1,8%, si sono registrati i primi dati di ripresa della produzione industriale regionale.

    Piemonte in Cifre 2014: lo scenario socio-economico piemontese descritto attraverso i dati dell’Annuario statistico regionale e del Quadro statistico complementare

    di Sarah Bovini (Responsabile Ufficio Studi e Statistica, Unioncamere Piemonte)

    Sintesi

    La ventiduesima edizione di "Piemonte in cifre" traccia un bilancio del 2013 e dei primi mesi del 2014. Nel 2013 hanno iniziato ad intravedersi alcuni segnali incoraggianti per l'economia piemontese: a fronte di dati ancora negativi relativi al prodotto interno lordo, che in base alle stime di Prometei è diminuito del 1,8%, si sono registrati i primi dati di ripresa della produzione industriale regionale.

    Pensare il futuro, accettando la sfida del cambiamento

    di Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. (Presidente dell'Ires Piemonte - Direttore scientifico di SWG spa e Docente di sociologia dei processi culturali e comunicativi)

    Introduzione

    La Relazione di fine mandato del presidente dell'IRES fornisce un contributo importante alla lettura delle dinamiche della società nazionale e locale definendo priorità e strumenti per la crescita e lo sviluppo del Piemonte.

    Pensare il futuro, accettando la sfida del cambiamento

    di Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. (Presidente dell'Ires Piemonte - Direttore scientifico di SWG spa e Docente di sociologia dei processi culturali e comunicativi)

    Introduzione

    La Relazione di fine mandato del presidente dell'IRES fornisce un contributo importante alla lettura delle dinamiche della società nazionale e locale definendo priorità e strumenti per la crescita e lo sviluppo del Piemonte.

    Torino: semi di fiducia in una città polarizzata

    A cura del Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. del Rapporto Giorgio Rota

     

    Il Rapporto Giorgio Rota, giunto alla sua quindicesima edizione, fotografa quest'anno l'evolvere della crisi, gli effetti sul sistema d'impresa, i nuovi progetti di trasformazione urbana, i livelli di tenuta del tessuto sociale. Un primo dato che emerge dal Rapporto di quest'anno è che a livello mondiale vi sono confortanti segnali di uscita dalla lunga crisi, a quasi sei anni dalla sua esplosione: la crisi del 2008 è stata riassorbita – con il Pil che cresce a ritmi pre-crisi, soprattutto nei Paesi emergenti.

    Copyright © 2018 Politiche Piemonte. Tutti i diritti riservati.