Il Contratto di Fiume dell’Alto Po: riflessioni sulla fase attuativa

    di Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. – LAPO (Laboratorio di Politiche), COREP

    Introduzione

    Il Contratto di Fiume (CdF) "Alto Po" nasce nell'ambito del Programma Alcotra 2007–2013 e rappresenta uno dei progetti che compongono il "PIT Monviso". Interessa il primo tratto del fiume Po (716 km2, 33 Comuni, di cui 29 nella Provincia di Cuneo e 4 nella Provincia di Torino) e rappresenta il primo Contratto avviato sull'asta del Po, oltre che la prima occasione di sperimentazione delle Linee Guida regionali, che contengono indicazioni utili a strutturare i processi inclusivi che sono alla base dell'approccio utilizzato nei CdF per individuare e coinvolgere gli attori interessati.

    I Contratti di Fiume in Piemonte: genesi ed evoluzione

    di Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. ed Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Regione Piemonte

    Introduzione

    Un corretto ed efficace governo delle acque ha da sempre rappresentato una sfida con cui la Regione Piemonte ha inteso confrontarsi e un tema sul quale perseguire strategie innovative: perché, dunque, nasce in Piemonte uno strumento di programmazione negoziata e partecipazione diffusa come il Contratto di Fiume?

    La Cooperazione Territoriale Europea a supporto delle politiche di competitività

    di Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.(2) e Tiziana Dell'Olmo(1) - Regione Piemonte

    Introduzione

    Per attuare le politiche di crescita e innovazione concordate con gli stati membri, la Commissione Europea ha sviluppato nel tempo un set diversificato di programmi e linee di finanziamento, strumenti che hanno assunto un ruolo sempre più strategico nel sostenere i paesi e le regioni europee impegnati ad affrontare le sfide degli ultimi decenni, dalla globalizzazione fino all'attuale crisi economica e finanziaria.

    Il programma ERA-Net al servizio delle imprese e della ricerca

    di Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Direzione Attività Produttive, Regione Piemonte.

    Introduzione

    Manunet I e II, Crosstexnet, Electromobility+, M-ERA.net e Eco-Innovera, sono nomi noti tra le Piccole e Medie Imprese (PMI) piemontesi che hanno risposto ai bandi regionali ad essi collegati. Per chi non li conoscesse, invece, il fattore comune è il Settimo Programma Quadro (7PQ) ovvero il programma per la ricerca e l'innovazione della Commissione Europea, in particolare il programma di coordinamento ERA.Net(1).

    Programmi europei e sistema dei comuni montani e delle Terre Alte

    di Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - UncemPiemonte.

    1. Introduzione

    L'UNCEM Piemonte, già Unione delle Comunità ed ora Unioni dei Comuni Montani, con l'avvio della Programmazione Comunitaria 2007-2013, che sta volgendo al termine, ha fortemente voluto scommettere sulla possibilità di prendere parte in modo attivo alle opportunità fornite dall'Unione Europea.

    Progetti europei: il punto di vista dei gestori dei poli di innovazione

    A cura di Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Direzione Attività Produttive, Regione Piemonte.

    1. Introduzione

    La Regione Piemonte è stata la prima regione italiana a istituire, nel 2008, i Poli di Innovazione, ovvero raggruppamenti di imprese, organismi di ricerca e fornitori di servizi, coordinati da un ente gestore, volti a favorire le sinergie tra i diversi attori del processo innovativo, e in grado di individuare le esigenze tecnologiche delle imprese, mettendo a disposizione delle stesse infrastrutture e servizi ad alto valore aggiunto.

    Cluster tecnologici e poli di innovazione per lo Spazio Alpino

    di Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Direzione Attività Produttive, Regione Piemonte.

    Introduzione

    Il territorio piemontese, per la sua posizione e conformazione geografica – nonché per la struttura del suo sistema economico caratterizzato da un elevato potenziale di innovazione, accresciuto anche dalla creazione nel 2008 dei poli di innovazione (aggregazioni di imprese, centri di ricerca e università) – è altamente rilevante per l'area alpina interessata dal Programma di Cooperazione "Spazio Alpino" 2007-2013.

    EDITORIALE N.13 - Programmazione Europea

    Il Piemonte e la cooperazione territoriale europea

    di Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e di Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. - IRES Piemonte.

    Questo numero di Politiche Piemonte sulla Cooperazione Territoriale Europea è frutto di una proposta avanzata dalla Direzione Attività Produttive della Regione Piemonte. Si propone come un momento di riflessione sull'impegno delle istituzioni piemontesi nella programmazione comunitaria in corso, soprattutto per quanto attiene alla cooperazione territoriale.

    Copyright © 2018 Politiche Piemonte. Tutti i diritti riservati.